Home » Italia » Lombardia » Mantova » San Giorgio Bigarello » ….A GUIDONIA

….A GUIDONIA

Signore e Signori,

Da molto tempo l’argomentazione del “MANAGER DISABILITA’” la porto avanti come Presidente di un’Associazione Nazionale “Rete Italiana Disabili”, nella mia città questa figura è una cosa che io cerco di spingere d’anni forse oggi, si sente maggiormente l’esigenza finalmente di portare all’utilizzo di questa figura al miglioramento della vita,
in tantissime città europee ed italiane funziona benissimo da anni, purtroppo da noi soprattutto in Italia questa figura è partita in maniera lieve .
Ultimamente sto vedendo sorgere sempre più comitati soprattutto comitati di quartiere che si occupano al posto di chi dovrebbe di una serie di discussione della città però purtroppo quello che credo sia fondamentale

è un cominciare a parlare di organizzazione
Penso che il modo migliore di comunicare è quello più semplice parlando in maniera più diretta e senza utilizzare quel linguaggio tecnico che ci allontanano dai tecnici rispetto a chi non mastica questa linguistica.

Secondo me è fondamentale cominciare finalmente e mi fa piacere cogliere questa opportunità in questo contesto che spero non si esaurisca che le istituzioni cittadine “Tivoli ,Guidonia ed altri paesi limitrofi”
possano iniziare un cammino forte e veloce per l’approvazione del Manager della Disabilità
una persona che mostra al sociale con informazioni precise e certe la vita di un dasabile
Ora in questo momento IL COVID19 è presente, sino ad oggi le associazioni hanno fatto e faranno il loro dovere verso gli anziani ed i disabili (ma un disabile non sa quando potrà vaccinarsi) ecco il
Manager della Disabilità in questo caso avendo a disposizione un database potrà comunicare la data approssimativa e prenotarsi.

Allora innanzitutto vorrei dire che questo mio scritto è un punto provocatorio perche molto spesso si parla di Piano Eliminazione Barriere Archettoniche (art. 32 della legge 41/86 e art. 24 comma 9 della legge 104/92) ma ,Guidonia non si è visto nulla di questa legge,si tenga presente che se non applicata vi è il commissiaramento del comune stesso.
Affrontare ognuno di questi temi in maniera viscerale, penso che possa essere importante, deve essere assolutamente il primo passo e deve partire dal basso, una visione perfetta però partita dal basso senza avere le competenze ma soprattutto le conoscenze giuste secondo me poi porta ben pochi risultati, voglio chiudere con una pensiero che mi sono fatto circa 40 anni fa quando decisi di vivere in questo meraviglioso paese.

A Guidonia negli ultimi anni non si è mai pensato a migliorare la vita di tutti,specialmente verso i disabili,con scelte momentanee e errate tipo l’urbanisica, invece di costruire legami, relazioni e comunità, abbiamo bisogno di spazi comuni nei quali riconoscersi e creare identità, perché una città può evolversi e può andare avanti soltanto se riacquista la propria dignità e speranza per il futuro,
se ogni cittadino innanzitutto riacquista la sua identità rispecchiandosi in quelli che sono i valori portati avanti dal passato dai nostri predecessori da quello che hanno costruito loro e con il nostro supporto con quello possiamo aggiungere umanità ma soltanto se ci viene data la possibilità.

Share This Post
Dite la vostra!
00

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>