Home » Italia » Trentino-Alto Adige » Südtirol » Bolzano » Bozen » Merano » Un altro primato dei Giardini di Castel Trauttmansdorff: la falena più grande d’Europa

Un altro primato dei Giardini di Castel Trauttmansdorff: la falena più grande d’Europa

Durante il primo censimento della biodiversità delle falene notturne avvenuto ai Giardini di Castel Trauttmansdorff nella notte fra l’8 e il 9 maggio, è stata rilevata la presenza di esemplari di saturnia del pero (anche detta pavonia maggiore), falena caratterizzata da un’apertura alare che può raggiungere anche i 16 centimetri. 

La sua area di distribuzione comprende il Mediterraneo fino al Medio Oriente e le zone più calde dell’Europa centrale; si tratta di un lepidottero esclusivamente notturno, che vive nel periodo tra maggio e la prima metà di giugno. In questa fase, il suo obiettivo primario è di trovare un partner: i maschi non possono né vedere né sentire le femmine, ma riescono con le loro antenne piumate a captarne l’odore anche in lontananza, fino a 10 chilometri di distanza.

Questo tipo di insetti di grande importanza ecologica non è mai stato censito ai Giardini, anche se le falene costituiscono circa il 95% delle 3200 specie di lepidotteri presenti in Alto Adige. Proprio nella stagione dedicata alla biodiversità con il tema “Diversity”, i Giardini di Castel Trauttmansdorff, grazie a questa indagine sulle diverse specie di lepidotteri in alcuni selezionati areali dei Giardini, hanno potuto scoprire questo magnifico esemplare di dimensioni notevoli e hanno anche dato avvio a futuri progetti di divulgazione sostenibile.
 
La saturnia del pero è una falena minacciata in molti luoghi ed è diventata rara anche in Alto Adige. 

Condividi questo Articolo
Dite la vostra!
00

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>