Home » Italia » Campania » Benevento fa muro in 10, Roma non riesce a sfondare

Benevento fa muro in 10, Roma non riesce a sfondare

( (ANSA).- BENEVENTO, 21 FEB – Nella sfida tutta giallorossa viene fuori un pari che alla fine premia solo il Benevento. La Roma, con il punto al ‘Vigorito’, conquista sì il terzo posto in solitaria, ma non allunga rispetto a Lazio ed Atalanta. Per il Benevento è un’altra iniezione di fiducia con l’obiettivo salvezza sempre alla portata. Pippo Inzaghi, dopo aver fermato sul pari Lazio e Juve, frena anche le ambizioni della Roma, che ha perso l’occasione di avvicinarsi al Milan, che affronterà domenica prossima, dimostrando di soffrire molto le squadre che si chiudono. E ciò nonostante nella ripresa, complice i padroni di casa rimasti in dieci per l’espulsione di Glik, Fonseca avesse mandato in campo tutti i terminali offensivi. Il primo tempo è stato avaro di emozioni. La Roma ha avuto il predominio territoriale, buon possesso palla ma poche verticalizzazioni e scarse conclusioni verso la porta difesa da Montipò. Il Benevento, dal canto suo, si è disposto in campo in maniera accorta e determinata. Squadra a difesa del proprio portiere, distanze corte tra i reparti e buoni spunti per le ripartenze grazie soprattutto alle giocate di Viola non sfruttate al meglio però da un volenteroso Lapadula. Quando poi, e siamo al 15′, il filtrante al bacio del 10 sannita per l’attaccante peruviano ha consentito allo stesso di andare a rete, ci ha pensato l’arbitro Pairetto a strozzare l’urlo in gola a Lapadula: fuorigioco e tutto da rifare. Nel prosieguo del match la Roma si è resa pericolosa al 33′ con Pellegrini che ha sfruttato un disimpegno errato di Schiattarella ed ha concluso a rete, abile la presa di Montipò. Due minuti dopo ripartenza dei padroni di casa con Lapadula che costringe Lopez alla presa. Nella ripresa l’episodio che poteva incidere di molto sull’esito finale della sfida. Al 56′ Glik entra in maniera rude alle spalle di Mkhitaryan, Pairetto lascia correre per il vantaggio ma al termine dell’azione estrae il secondo cartellino giallo per il centrale sannita. Benevento in 10, Inzaghi getta nella mischia il difensore Caldirola al posto di Viola. Da questo momento in poi la Roma gioca nella metà campo del Benevento. Fonseca si gioca le carte Dzeko prima e Pedro poi. La Roma prova a spingere ma trova tutti i varchi chiusi. Solo al 93′ Dzeko mette i brividi alla retroguardia sannita ma Caldirola salva sulla linea e consente al Benevento di conquistare un punto prezioso in ottica salvezza. Tutto finito? Neanche per sogno. Al minuto 95 Foulon ferma in area El Shaarawy: Pairetto fischia il rigore ma poi, su segnalazione del Var, annulla la decisione per fuorigioco dello stesso calciatore. Termina così la sfida, con il Benevento che fa festa (espulso anche Inzaghi) e la Roma in campo a mordersi le mani.
   

Fonte Ansa.it

Share This Post
Dite la vostra!
00

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>